Un libro intenso e delicato sull’identità dei bambini, la loro autostima e la ricerca del loro posto nel mondo.

Ogni anno bisogna cambiare le scarpe, i pantaloni, le magliettine: diventa tutto piccolo e corto in un attimo. Perché i bambini crescono, molto più velocemente di quanto i genitori siano in grado di accettare. Crescono, cambiano, maturano.

I bambini si confrontano tra di loro, si chiedono cosa gli riserverà il futuro, che tipo di uomini e donne diventeranno, quale sarà il loro ruolo nel mondo.  Lo fanno cercando di capire come sono fatti, cosa gli piace, qual è l’adulto a loro vicino nel quale riescono a immedesimarsi meglio, al quale sentono di assomigliare. Cercano di far parte di un gruppo, di condividere con gli amici giochi, emozioni e sentimenti.

Sono tanti ‘pezzettini’ in cerca del loro posto nel mondo.

Leo Lionni, autore del libro, risponde in modo creativo e comprensivo alla ricerca di identità dei bambini, affrontando in modo coinvolgente e intenso un tema delicato come quello dell’autostima dei più piccoli.

Pezzettino è un piccolo quadratino arancione che si vede tanto piccolo da credere di non poter esistere se non come ‘pezzetto mancante’ di qualcun altro. Inizia così il suo viaggio alla ricerca della sua parte mancante, dell’individuo più complesso a cui è sicuro di appartenere. Durante la sua rocambolesca avventura in questo mondo di fantasia, Pezzettino incontra figure diverse: Quello-Che-Nuota, Quello-Che-Vive-Sulle-Montagne, Quello-Che-Vola e tanti altri. Sono tutti più grandi di lui e a tutti Pezzettino chiede “Sono per caso un tuo pezzettino?”.

Pone questa domanda titubante e spaventato, esattamente come fanno i bambini quando si avvicinano ai gruppetti di coetanei, sperando sempre di essere accettati.

 

La ricerca si rivela più complessa del previsto, ma alla fine Pezzettino capisce una grande verità, alla quale deve arrivare ogni bambino: “Io sono me stesso”.

 

“Pezzettino” è una breve storia ricca di poesia, che aiuta a riflettere sull’immagine che i bambini hanno di se stessi, sulla loro necessità di essere accettati dagli altri e anche sul timore inconscio che tutti i piccoli provano nei confronti di un futuro che ancora non conoscono.

Un libro meraviglioso da leggere insieme a loro, magari tenendoli in braccio per fargli capire che ci saremo ad accompagnarli, qualunque strada decidano di percorrere.

Condividi questa pagina!